Attività a favore dei centri di ricerca

13 gennaio 2015

Attività a favore dei centri di ricerca

Sperimentazione in volo in assenza di gravità di tecnologie di automazione del controllo dinamico di piccoli satelliti per l'auto-riconfigurazione di assetto in orbita: una prima missione è stata realizzata con un prototipo ad un grado di libertà, grazie al supporto economico di Regione Piemonte e Politecnico di Torino
Analisi preliminare per integrazione sulle prossime missioni SpaceLand di apparati telescopici della Scuola di Ingegneria Aerospaziale dell'Università La Sapienza di Roma
Analisi preliminare degli scenari operativi per la sperimentazione in volo in assenza di gravità di apparati tecnologici e processi chimico-termici per l'estrazione dal suolo lunare e/o marziano di metalli e gas (es. ossigeno) a supporto dei programmi di esplorazione spaziale, richiesti dall'Agenzia Spaziale Italiana e dall'Università di Cagliari per il programma ASI "COSMIC"
Sperimentazione in volo in assenza di gravità di sistemi, apparati e metodologie per la riabilitazione neuromotoria tramite propriocezione, sia per astronauti che per ricadute applicative relative alle fasi di convalescenza e riabilitazione di individui in condizioni post-traumatiche; in particolare, una importante missione co-finanziata dalla Regione Piemonte è stata condotta per il progetto MARVP (Muscular Atrophy Prevention and Recovery through Visual-Proprioception) commissionato da PMI piemontesi (Delos srl, Centro di Propriocezione sas) ove si è dimostrato, per la prima volta, la possibilità di effettuare esercizi visuo-propriocettivi ad alta frequenza in assenza di gravità, anche a beneficio di nuove conoscenze ed applicazioni sugli equilibri posturali in particolare per adolescenti, atleti, disabili, anziani
Sperimentazione in volo in assenza di gravità di apparati di tecnologica info-comunicazionale "I.C.T." per sistemi computerizzati usabili senza mani, importanti sia per attività di manutenzione in orbita (ad es. negli stand-off od attorno a racks della ISS) sia ricadute a beneficio di disabili ed anziani: in particolare, due missioni sono state condotte per l'A.I.D.A. (Ausili Informatici per Disabili ed Anziani) di Modena con la prima donna disabile della storia (disabilità motorie al 100%) in zero-g quale operatore di bordo. Elma per tale storico record ha ricevuto, alla presenza del Comandante delle Missioni SpaceLand Ing. Viberti, un Premio della Presidenza della Provincia di Arezzo nel 2007
Sperimentazione in volo in assenza di gravità di sistemi portatili per il rilevamento della densitometria ossea e del livello di osteoporosi degli astronauti: con versioni dimostrative per gruppi di medici e scienziati afferenti ad ospedali pubblici piemontesi, quali le strutture ospedaliere Sant'Anna e Molinette di Torino, al fine di perfezionare operatività, cablaggi, procedure ed ergonomia del sistema stesso per applicazioni da proporre sulla stazione spaziale internazionale ISS, in collaborazione con l'Azienda Ospedaliera Sant'Anna di Torino ed IGEA srl ed il patrocinio dell'Ospedale Molinette di Torino
Sperimentazione in volo in assenza di gravità di tessuti tubolari elasticizzati per il supporto al mantenimento di normali modalità di circolazione arteriosa nel corpo degli astronauti per contrastare la ri-distribuzione ematica e linfatica in condizioni di gravità ridotta od in assenza di peso (esperimenti e dimostrazioni verso la NASA richieste per eventi SpaceLand da società quali la Yanga srl di Biella)
Studio ed integrazione analitica per future sperimentazioni in volo in assenza di gravità di analisi proliferazione e differenziazione accelerata in assenza di gravità ed in gravità ridotta di cellule staminali mesenchimali ed emopoietiche (derivanti da midollo osseo, sangue cordonale, liquido amniotico e placenta) proposta dalla Direzione Onco-Ematologia e Centro Trapianti dell'Azienda Ospedaliera O.I.R.M. Sant'Anna di Torino
Sperimentazione in volo in assenza di gravità e campionamenti a diversi livelli di gravità di soggetti di prova per analisi dei processi di adattamento neurologico in condizioni di accelerazione gravitazionale variabile, commissionati per missioni SpaceLand c/o NASA Space Shuttle L.F. dal gruppo di lavoro dell'Istituto Superiore di Sanità con l'Università di Milano, il CNR, la European Brain Research Institute - Fondaz. Levi Montalcini (premio Nobel) con l'obiettivo di comprendere i meccanismi alla base dell'insorgenza di fenomeni di degenerazione neuronale quali l'Alzheimer. Una prima missione è stata realizzata nel 2008 da SpaceLand con 10 adulti ed un bambino di 11 anni, il più+ giovane al mondo quale soggetto di prove medico-scientifiche in volo in gravità lunare e gravità zero.